PREGHIERE  MEDITAZIONE SULLA PASSIONE DI CRISTO
dono di Maria Grazia

01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15

2°Mistero: Gesù agonizza nell’Orto degli Ulivi (Mt 26,76-78). (audio)

Ti adoriamo, o Cristo e Ti benediciamo, perché con le Tue Sante Piaghe e con il Tuo Preziosissimo Santo Sangue hai redento il mondo!

Allora Gesù andò con loro in un podere chiamato Getsemani, e disse ai discepoli: “Sedetevi qui, mentre io vado là a pregare”… “la mia Anima è triste fino alla morte. Restate qui e vegliate con me”… “Padre mio se è possibile passi da me questo calice, ma non come voglio io, ma come vuoi Tu!”.

L’ora è giunta in cui il Figlio di Dio uomo, sta per spargere il suo Sangue e dare la sua Vita per il mondo.  

“Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici”.  (Gv 12,27)

O Sangue dolce, Tu spogli l’anima del proprio amor sensitivo, il quale amore indebolisce l’anima che se ne veste ; e la vesti del fuoco della divina carità.

O Madre, Il volere del Padre ha disposto che Tu, non fossi vicina a Gesù, durante la sua interiore agonia nel Getsemani, perché anche la tua assenza rendesse più grande il suo abbandono. Ma nell’anima durante questa notte sei sempre rimasta accanto a Tuo Figlio, l’Agnello divino che sta per immolarsi alla Giustizia divina tanto offesa dagli uomini. Con la preghiera, con la sofferenza hai partecipato a tutta la sua agonia per dargli conforto e aiuto mentre nel profondo del Suo Cuore divino Gesù assaporava tutta l’amarezza del suo Calice: l’abbandono dei suoi, il tradimento di Giuda, le orribile scene di dolore e di sangue della sua imminente Passione; l’indifferenza, l’ingratitudine e il disprezzo futuro degli uomini che invece di corrispondere a tanto Suo Amore, lo avrebbero offeso con tanti peccati la vista dei quali gli fece sudare Sangue.

Anche Tu potevi ripetere col Tuo Gesù: “ora la mia anima è turbata, che devo dire? Padre, salvami da quest’ora? Ma per questo sono giunta a quest’ora”.