POESIE   Maternità divina    DIARIO

Fragile la donna disse "sia"
e dalle sterili montagne terrene
un'eco raggiunse quelle lontane stelle.

Umanità divina abbracciò la sua umiltà
e cori d'angeli la salutarono regina.

E nacque Dio. Figlio dell'Uomo.
E della Madre creatura e Creatore.

Sandra Cervone