MISSIONE SPERANZA

lettera precedente

"Si fa di tutto, puntando soprattutto al futuro!"

lettera seguente

.

P. Mauro, insieme ai giovani della Parrocchia di San Raffaele!

.

Ibiporį, 3 Maggio 2006

.

Cara Elena, 

son felice di sentirti e vedere come vi state donando alle missioni attraverso il PIME.

Siete un dono per noi.

Come ben sai dopo 6 lunghi anni a Busto pieni di tante cose, attivitą, responsabilitą, gioie e fatiche, comprensioni e incomprensioni (questo non solo con la comunitą ma con i tanti volontari e giovani), dove tutto non č possibile che si possa fare e son necessarie delle misure..., ma sono stati 6 anni pieni e vissuti, vissuti sulla mia pelle e cercando di dare il masimo di me nonostante i miei limiti...

Fintanto che i superiori, in "todos", mi hanno dato l'o.k. per il Brasile sud, dove ci sono buone possibilitą di lavoro, testimonianza, ospedali se necessita e una casa per padri anziani-casa animazione e ritiri: sarebbero un 6 case collegate tra loro ad un piano in una leggera collina, un posto magnifico, ed č proprio qui dove abito; ma sono coadiutore della giovanissima parrocchia di San Raffaele, con P. Giorgio Pedemonte, genovese "doc" come parroco, e una suora cilena che si occupa soprattutto della catechesi.

Parrocchia nata nel settembre scorso, ma che i primi passi veri li ha cominciati in febbraio con l'inizio dell'anno liturgico. Io ho in mano in particolare la parte giovanile e adolescenti, alcuni gruppi ci sono, altri li sto (stiamo) creando, ma lo stesso discorso equivale per tutta la parrocchia. Bella ma con problemi molto vicini alle baraccopoli: droga, alcol, prostituzione, violenza; non passano 15 giorni che un giovane non venga ucciso a causa della droga. E poi la povertą, la miseria, la lotta per una vita dignitosa..., siamo la periferia di Ibiporį con le relative conseguenze. Ma ci sono tante persone buone, in gamba, giovani che stanno emergendo..., e stiamo limitando anche il proliferarsi delle chiese evangeliche o altro, con sette, dove su 15.000 persone ce ne sono almeno una 30ina.

Ma si lavora, si conosce, si fa di tutto puntando soprattutto al futuro per i ragazzi e i giovani che sono e saranno il futuro.

Sono ben felice di trovarmi qui, posso continuare a vivere la mia vocazione e una cosa che mi aiuta č la carrozzella elettrica che mi permette di andare in parrocchia da solo, č un chilometro: ed ora sto studiando di mettere delle luci per la sera altrimenti mi devono venire sempre a prendere... Vedremo cosa il futuro ci riserverą!

Ma ringrazio il Buon Dio e i capi per questa opportunitą che mi hanno dato.

Ora ti lascio che devo andare al CPP: consiglio Pastorale.

.

Restiamo in contatto e un caro saluto a tutti: i tuoi genitori, P. Luciano, Berra non Birra (scherzo!), P. Clari etc..., tutti amici.

Un abbraccio e una preghiera, ne ho bisogno!

Ieri primo maggio ho fatto i miei 8 anni dal giorno dell'incidente..., il tempo passa ed č un ricominciare ogni giorno.

In LUI!

.

Pe. Mauro Maculan