VIRTÙ APOSTOLICHE  
Lettere ai missionari
Beato P. Paolo Manna

SIATE MISSIONARI SANTI!

«Se il missionario vive di fede, allora è grande»

Lettera circolare n. 6

Milano, 15 Settembre 1926

Amatissimi Confratelli,

1. E’ il tempo in cui ordinariamente usate raccogliervi per i SS. Spirituali Esercizi e Dio sa quanto desidererei trovarmi assieme a voi per edificarmi dei vostri buoni esempi, per esortarci vicendevolmente a proseguire coraggiosi e fiduciosi nell'arduo lavoro che il Signore ci ha confidato di espandere il suo santo Regno nel mondo delle anime. Purtroppo i doveri del mio ufficio ed importanti affari di alcune missioni, che richiedono la mia presenza qui, non mi permettono di iniziare quest'anno quella visita che vi feci ultimamente sperare; la sollecitudine però che sempre sento per le anime vostre mi spinge, benché lontano, a rivolgervi una parola di esortazione, che voi vorrete accogliere non come da un vostro maestro, ma come la parola affettuosa di un padre che ardentemente vi ama, e che sente di esservi debitore di tutte le sue cure.

Se i missionari saranno santi...

2. Noi missionari spesso ci domandiamo perché l'opera della conversione del mondo infedele vada così a rilento. Si sogliono addurre varie ragioni per spiegare questo doloroso fatto, ed invero il problema si può considerarlo da molteplici lati, alcuni dei quali non riguardano la nostra responsabilità. Per la parte per che ci riguarda, ed è la principale, il problema è della più limpida soluzione. Per salvare il mondo, Iddio nella sua infinita sapienza ha voluto avere dei cooperatori. Iddio fa bene la sua parte: la fanno altrettanto bene gli uomini chiamati a coadiuvarlo?

Facciamo che tutta la Chiesa, tutto il popolo cristiano, diretto dai suoi vescovi e dal suo clero senta davvero il dovere apostolico che gli incombe di promuovere con ogni mezzo la propagazione della fede: facciamo che i missionari, strumenti più diretti nella conversione delle anime, siano santi, e gli infedeli non tarderanno a convertirsi.

Il problema delle missioni è stato ed è tuttora quasi ignorato dal popolo cristiano: quelli che se ne interessarono in passato furono sempre una minoranza, ed è estremamente doloroso vedere anche oggi, che qualche passo avanti pur si è fatto, come l'immane questione sia ben lungi dall'essere compresa ed affrontata in pieno dal clero e dal popolo. E’ estremamente doloroso, perché i popoli cattolici avrebbero energie più che sufficienti per promuovere più degnamente l'opera dell'evangelizzazione degli infedeli, se dai sacerdoti fossero istruiti, organizzati e soprattutto infiammati da un più grande spirito di fede e di zelo. Il S. Padre, la S. Congregazione di Propaganda se ne occupano assai, ma sono come generali con pochi soldati. La divina missione affidata da N. Signore alla Chiesa di predicare il Vangelo ai popoli della terra è tutta un'opera di cooperazione; dove questa è scarsa, lento necessariamente sarà pure il movimento delle conversioni.

Ma non è di questo che voglio parlarvi, perché l'argomento interessa più specialmente il clero dei paesi cristiani.

Siate Missionari santi

3. A voi, missionari in servizio attivo sul campo, interessa specialmente la vostra parte di cooperazione, ed è perciò che a voi dico: siate missionari santi camminando sulle orme di quei grandi che vi hanno preceduto, e, per la parte che vi riguarda, il vostro dovere apostolico sarà pienamente compiuto: le anime che il Signore nei suoi misericordiosi disegni ha assegnato a ciascuno di voi perché le conduciate a salute, saranno salve, e, nell'ultimo dei vostri giorni potrete dire con il Divin Redentore: «Coloro che mi hai dato li ho custoditi, nessuno di loro è andato perduto» (Gv 17,12).
Ho detto: siate santi, camminando sulle orme di quei grandi che vi hanno preceduto sul campo del vostro apostolato. Sì, abbiamo davanti a noi dei grandi esempi e desidero che ne facciamo tesoro.
Il nostro Istituto, benché relativamente giovane, può vantare un deposito di apostoliche tradizioni, di metodi di apostolato così nobili, cosi vivificato dal più alto spirito di sacrificio, di abnegazione, di zelo, da non aver noi nulla da invidiare ai più grandi Istituti missionari.
Questo sacro deposito è la nostra vera ricchezza, il nostro vanto: su di esso io fondo la mia speranza delle divine benedizioni, che accompagneranno sempre il nostro Istituto, essendo questo che fa ben vista ed apprezzata dalla Chiesa la nostra famiglia missionaria.

4. Dal P. Mazzucconi all'ultimo nostro missionario defunto per non parlare che dei morti - quale corona di eroismi e di ignorati martiri, quali e quante fatiche, quali sudori e quante vite sacrificate anzi tempo per gettare i fondamenti di quelle Chiese, che voi fra tanti stenti e privazioni continuate ad edificare! Quale è stato il segreto, quale l'anima di tanto zelo, di tanta dedizione, di tanta perseveranza, di un eroismo che troppe volte è giunto fino al sacrificio della vita?
Ecco, amati confratelli, ecco quello che vogliamo indagare per esortarci a seguire quelle orme, e, per quello che dipende da noi, cooperare con ogni nostro potere alla conversione degli infedeli, procurando la salvezza del maggior numero possibile di anime nelle missioni che la S. Chiesa ci ha affidate.

5. I nostri missionari, anche dal punto di vista umano, sono stati uomini superiori: fra essi alcuni sono stati eminenti per dottrina e conoscenza delle lingue, altri per la loro particolare avvedutezza e tatto nell'assimilarsi e nel trattare con i vari popoli da essi evangelizzati; molti furono veri strateghi dell'apostolato nell'occupare sempre nuove posizioni: tutti furono coraggiosi e rotti ad ogni fatica, pronti ad ogni ardimento.
Ma né ingegno, né prudenza, né coraggio li hanno fatti grandi agli occhi nostri e a quelli di Dio: sono stati grandi, hanno salvato molte anime, hanno fondato Chiese, principalmente perché sono stati uomini santi, uomini cioè di vita interiore: questo è stato il segreto, l'anima del loro zelo, della loro perseveranza e dei loro successi; questo è il solenne insegnamento che ci hanno tramandato e che io amo ricordarvi, perché sempre i nostri missionari di oggi e quelli di domani fondino su di esso la ragione prima ed essenziale della santificazione loro e delle anime che sono e saranno loro affidate.

6. Il fervore della vita di un missionario, la sua attività regolare, sapiente, industriosa, instancabile, la gioia inalterabile della sua vita e la sua perseveranza nel lavoro, pure in mezzo a privazioni, traversie e difficoltà, sono sempre il risultato di una vita di fede.
Se la fede si offusca, anche lo zelo diminuisce di intensità; si affacciano allora, anche ai più forti, la stanchezza e lo scoraggiamento e si può arrivare sino alla completa sfiducia ed alla perdita della vocazione.
Se il missionario vive di fede, allora è grande, è sublime, è divino: la Chiesa e le anime si possono tutto attendere da lui: nessuna fatica, nessuna difficoltà lo spaventano, nessun eroismo è superiore alle sue forze; se lo spirito di fede in lui è languido e fiacco, egli si muoverà, lavorerà pure, ma a poco o nulla approderanno le sue fatiche, ed il poco successo delle sue opere, fatte senza spirito, accrescerà in lui la sfiducia e l'avvilimento.

Il missionario è l'uomo della fede

7. Il missionario è per eccellenza l'uomo della fede: nasce dalla fede, vive della fede, per questa volentieri lavora, patisce e muore. Il missionario che non è questo, è tutt'al più un dilettante dell'apostolato, sarà presto un ingombro per la Missione, un fallimento per se stesso, quando, Dio non voglia, non sarà anche causa di rovina per le anime. Senza la fede il missionario non si spiega, non esiste; e, se esiste, non è il vero missionario di G. Cristo.
E missionario che vuol vivere e mantenersi all'altezza della sua vocazione deve nutrire costantemente questo spirito di fede, illuminandosi ed infervorandosi con la meditazione delle grandi verità della nostra S. Religione: deve attingere da Dio, del Quale è strumento, con continua preghiera, la grazia di cui abbisogna per i suoi ministeri, e senza la quale egli nulla può in ordine all'eterna salute dell'anima sua e di quelle che egli è andato ad evangelizzare.
Meditazione
dunque e preghiera, ecco la forza del missionario, le uniche vere sorgenti e ragioni del suo zelo, della sua perseveranza, del suo successo.
Un missionario che trova noiosa mezz'ora di meditazione, che dice distrattamente il suo ufficio e strapazza la S. Messa, che ha poca familiarità con il SS. Sacramento e con la SS. Vergine... che, con il pretesto delle opere e del lavoro che l'occupano, fa poco conto della meditazione e delle altre pratiche di pietà, tale missionario è un povero illuso: il suo lavoro è vano e senza vera consistenza, ed i progetti, dei quali può anche avere piena la bocca, sono null'altro che pure e semplici chiacchiere, spesso espressione di un animo vano e leggero.

Salvare le anime come le ha salvate Gesù Cristo

8. La grande, sublime missione dell'uomo apostolico è quella di salvare le anime, e di salvarle come le ha salvate Gesù Cristo. Perché possa degnamente assolvere questo compito divino il missionario deve aver sempre presenti i grandi motivi che gli impongono come una legge, come una necessità il dovere dell'apostolato, lo zelo per la salute delle anime.
Egli perciò mediterà sovente sull'amore di Dio per le anime, sul loro pregio ed eccellenza, sul pericolo in cui la maggior parte di esse si trovano di andare eternamente perdute, sulla nobiltà della vocazione apostolica più di ogni altra ricca di meriti, e sul premio inenarrabile riservato ai veri apostoli del Vangelo.
La creazione di questo nostro mirabile mondo, il mistero ineffabile della divina Redenzione, la santificazione delle anime che ha richiesto tanti miracoli della divina onnipotenza: la SS. Eucaristia, la SS. Vergine, la Chiesa, tutto ci dice quanto Iddio abbia amato ed ami le anime. Non c'è un solo oggetto di meditazione che non possa essere rivolto a dirci, a persuaderci dell'amore immenso, incommensurabile di Dio per le anime.
Ordine naturale e soprannaturale, creazione e Redenzione con tutti i loro misteri, tutto quello che Dio ha fatto, fa e farà, tutto è alla fine ordinato alla salvezza delle anime, tutto è effetto del grande amore di Dio per le anime.
Queste cose deve quotidianamente meditare il missionario: allora il suo zelo sarà fondato su granitica base: sa egli allora perché si muove, perché s'affatica, e come deve trattare le anime.

Il missionario è un altro Cristo

9. Il missionario deve presentarsi ai popoli infedeli come alter Christus. E missionario di fatto non è niente se non impersona Gesù Cristo. Quando nel missionario appare l'uomo, allora egli è inefficace.
E’ perché in tanti missionari della Chiesa Cattolica non è ritratto perfettamente Gesù Cristo, che gli infedeli non si convertono. Come volete che si converta il povero infedele, se nel missionario cattolico non vede che l'europeo, o tutto al più un ministro della religione dei dominatori, non dissimile, almeno esternamente, dall'infinita varietà dei ministri protestanti? Come volete che le anime degli infedeli si pieghino davanti al missionario altero, sprezzante, interessato, amante del bere e delle allegre brigate?
Amati confratelli, si dice che i missionari sono pochi; ma quanti più pochi sono i veri missionari, i missionari che ritraggono in tutta la loro vita la figura divina di Cristo! Ma come ritrarranno, come imiteranno Gesù Cristo se non lo faranno oggetto della loro continua meditazione?
E restringendo l'esame a noi soli, come, ditemi, copieremo questo divino Modello, come ne ritrarremo le divine fattezze nelle anime nostre senza fissarlo continuamente, senza studiarne ed analizzarne la vita dalla culla alla croce, all'altare? E’ per questo che il S. Vangelo dovrebbe essere la nostra lettura giornaliera, il nostro abituale libro di meditazione, libro che mai si esaurisce perché mai si finisce di studiarlo, di comprenderlo e di realizzarlo nella nostra vita.
Solo il missionario che copia fedelmente Gesù in se stesso, e può dire ai popoli con l'apostolo S. Paolo: «fatevi miei imitatore, come io lo sono di Cristo» (1Cor 4,16), solo lui può riprodurne l'immagine nelle anime degli altri.
Chi non fa così, invano s'affatica ed invano si lamenta se le sue fatiche non sono corrisposte.

10. Il missionario deve nutrire un tenero amore, deve avere una vera passione per le anime. Ma come l'avrà questo amore se non è uomo di orazione? E’ dalla meditazione di quello che Gesù benedetto ha fatto per la salvezza delle anime che spuntò la nostra vocazione. Il Crocifisso ci fece missionari, ed è il Crocifisso ancora che deve nutrire in noi l'amore per le anime.
Prendiamo quindi spesso a soggetto delle nostre meditazioni i misteri della passione e morte di nostro Signore, e facciamoci di questo una regola specialmente nel tempo sacro della Quaresima. Questi misteri sono la vera sorgente dello zelo apostolico: pensando ai patimenti di Gesù, pensando alla Croce, alle umiliazioni del Calvario s'impara ad amare le anime e ad abbracciare ogni sacrificio per procurarne la salute.
Ogni zelo che non zampilla dal mistero della Croce è effimero, perché solo l'esempio di quanto Gesù Cristo ha sofferto per le anime può efficacemente spronarci ad abbracciare i sacrifici inerenti ad ogni opera di vero zelo. Innamorati di Gesù Crocifisso, saremo indubbiamente grandi salvatori di anime.

Esortazioni ai missionari

11. Gli autori del prezioso libretto Monita ad Missionarios si domandano come mai missionari, che pure avevano fatto i tre voti di povertà, castità e obbedienza, poterono nelle missioni cadere vittime dell'avarizia, della mollezza e della vanità, e non sanno trovare altra ragione, «se non che si era affievolito molto in quelle regioni (dell'India) lo spirito di orazione. Ricordato il precetto di Cristo: Vigilate e pregate per non cadere nella tentazione, dicono che, se tale fu l'ordine di N. Signore agli Apostoli, quanta ragione abbiamo noi di dire che il missionario apostolico deve nutrirsi ogni giorno del pane dell'orazione! Se egli trascura di nutrirsene, necessariamente verrà meno lungo la via della virtù»*. Gravi parole, scritte centinaia di anni addietro, ma troppo vere anche oggi!
E questi santi autori vogliono che il missionario consacri ogni giorno non meno di due ore all'esercizio dell'orazione. Io non dico due ore, ma, amati confratelli, credetelo, un'ora di meditazione, anche divisa in due tempi, come si praticava negli anni di seminario, non è davvero troppo!
Poiché può avvenire che doveri di ministero ci impediscano talvolta di fare la nostra meditazione mattutina, all'ora fissataci dal nostro orario, badiamo di non tralasciarla per questo.
Al missionario fervoroso e di buona volontà non mancherà mai modo di trovare nella giornata un'ora per segregarsi ed attendere alla sua orazione. Che se anche ciò non fosse possibile, v'è sempre la sera per poter raccogliersi e pregare, come usavano fare, sull'esempio di N. Signore, tutti i santi uomini apostolici.

12. Missionari, uomini cioè anche naturalmente forti e decisi, non facciamo le cose a metà. Facendoci missionari abbiamo inteso darci tutti interi a Gesù Cristo. Se non Gli saremo uniti con una grande totale dedizione, che non può aversi da chi non prega, Egli sarà costretto dalla nostra poca generosità a starsene lontano da noi; verremo così a privarci di un grande cumulo di grazie, e indubbiamente cadremo nella nostra miseria.
Siamo uniti a Dio mediante una vita di meditazione e diventeremo strumenti mirabili delle sue misericordie. Non ci illudiamo lo zelo apostolico, senza del quale nulla siamo come missionari, non divampa che da un cuore acceso d'amore di Dio. Quando il nostro cuore sarà unito a Dio nell'intimità della meditazione e della preghiera, allora «arde il fuoco»* e il nostro amore ci suggerirà quello zelo ingegnoso, pratico, perseverante, infaticabile che contraddistingue il vero apostolo di Gesù Cristo.
Amatissimi confratelli, amiamo la nostra meditazione. Essa sola ha il segreto di far gioconda e felice la nostra vita di Missionari, perché ci trasforma, ci trasfigura, ci divinizza. Se vi saremo fedeli, se non le lesineremo il tempo, il Signore ci ripagherà con grande generosità, e noi vi resteremo così affezionati da meravigliarci come avremo potuto talvolta trascurarla.
Uscendo dalla meditazione, in cui ci siamo illuminati agli eterni splendori di Dio e delle nostre eterne verità, noi vedremo meglio Gesù in noi, vedremo Gesù nelle anime, vedremo Gesù in tutto e non avremo altra brama che di piacergli e procurarne la gioia con ogni nostro potere.
Fedeli alla nostra meditazione, ci sarà facile rimanere fedeli a tutte le altre nostre pratiche di pietà, ci sarà facile vivere in quello spirito di continua orazione, che è l'atmosfera nella quale sa muoversi e lavorare il fedele missionario di Gesù Cristo.

Necessità della preghiera

13. «E’ necessario pregare sempre» (Lc 18,1) è una raccomandazione per tutti: per noi è una legge, una necessità, una condizione indispensabile per riuscire nella nostra divina missione intrapresa e per vincere tutte le difficoltà che vi si oppongono.
Quante difficoltà sul sentiero di un uomo apostolico! Io penso spesso a voi, amati confratelli, e mentre vi ammiro per le belle e grandi opere che compite, e vi venero per gli enormi sacrifici che con gioia ogni giorno abbracciate per amore di Gesù, per amore delle anime, per voi pure tante volte sono preoccupato, specialmente quando attraverso la vostra corrispondenza intravedo segni, sia pur lievi, di sfiducia e di tristezza.
Ad onore dei nostri missionari debbo dire che mai nessuno si è lamentato dei disagi, delle privazioni, delle fatiche delle quali è intessuta la vita di missione; troppo nobile è il vostro cuore per dare peso e rilievo a queste cose; ma ci sono difficoltà ed angosce morali che conobbero anche i santi Apostoli, e S. Paolo ce ne fa spesso cenno nelle sue Lettere: pene ed angosce che anche voi provate, le quali sono capaci di abbattere gli animi più forti e generosi, se non sono sostenuti da una potente grazia di Dio.
La poca corrispondenza, le defezioni, l'ingratitudine dei convertiti; la solitudine e l'abbandono; i malintesi che possono aver luogo tra i confratelli e con i superiori e il sentirsi mal compresi ed apprezzati; la pochezza dei mezzi che non permettono di fare tutto quello che si vorrebbe e le male arti dei pagani e protestanti che ostacolano il progresso delle nostre opere; senza dire degli assalti delle tentazioni e delle lotte con lo spirito maligno che attenta alle nostre anime, sono tutte difficoltà capaci di produrre in noi tristezza e sfiducia.
Chi potrà sostenervi in tali frangenti? Dio, solo Dio, se pregato con spirito di umiltà e di filiale, fiducioso abbandono. Oh, sì! Tutti hanno bisogno di pregare, ma quanto maggior bisogno ha il missionario di pregare e di pregare sempre, egli che va a portar guerra al demonio nei suoi stessi dominii, ed ha contro di sé tutto un mondo di nequizie, che ama tanto di rimanere nelle sue tenebre!
Quando in mezzo all'una o all'altra delle vostre difficoltà voi vi gettate ai piedi di un Crocifisso o del Tabernacolo, e dite a Gesù che è per Lui che combattete, è per i suoi interessi che soffrite, che è la causa sua che è in pericolo; quando invece di indispettirvi contro i vostri nemici, per essi implorate misericordia e perdono, oh! allora, siatene certi, non sentirete più ombra di avvilimento e di tristezza, ma uscirete dalla vostra fervida orazione come da un bagno salutare, freschi e rasserenati e sempre o vincitori, o più forti per continuare il vostro combattimento.
Un'ora di orazione scioglie più difficoltà che molte discussioni; una fervida preghiera, illuminando lo spirito alla luce eterna di Dio, confortando il cuore al calore vivificatone del Cuore di Gesù, snebbia il nostro amor proprio, ci infonde umiltà e generosità, e molte difficoltà, che prima ci sembravano gravi ed insormontabili, ci appaiono come cose trascurabili.

14. Amati confratelli, bisogna pregare e pregare sempre. Il missionario ha più del prete in patria non solo la necessità, ma anche la possibilità di pregare.
La vita di missione trascorsa il più delle volte fra le vaste solitudini, fra le foreste e i monti silenziosi, fra genti semplici e povere ha non pochi punti di contatto con la vita degli eremi e molto favorisce lo spirito di contemplazione e di raccoglimento.
Quando il missionario ha compiuto i suoi giri di missione e si ritira nel capoluogo del suo distretto, di quanta pace, di quanto silenzio e tranquillità egli gode! Quanto a lungo può trattenersi egli allora con il suo Signore che è là nel Tabernacolo della sua chiesetta, che è là principalmente per Lui! Se il missionario è uomo di fede, quante grazie può allora ottenere per sé e per le anime che gli sono affidate, quante grazie può immagazzinare per condurre felicemente a porto i suoi progetti, per far prosperare le sue apostoliche imprese!
E pure in questi tempi di respiro che il buon missionario fa il suo giorno di ritiro mensile, per rinnovarsi nello spirito e pigliar nuova lena per proseguire con sempre maggior fervore e più saldi propositi nella santa sua vocazione di salvatore delle anime.

15. Solitario nella solitudine, il missionario deve però esser pronto ad abbandonarla sempre che il suo dovere, il bene delle anime, lo richiede, memore che la vera santità non sta nel dolce godimento di uno spirituale riposo, ma nel perfetto adempimento della volontà di Dio, che per lui è il disimpegno fedele dei suoi doveri di uomo apostolico, che in nulla si risparmia per procurare la gloria di Dio nella salvezza delle anime.
Ma il missionario santo, se interrompe la sua solitudine materiale, non interrompe già le sue comunicazioni con Dio. Se non può portare con sé Gesù Sacramentato, porta con sé il suo raccoglimento e la sua interiore solitudine: sa che egli è tempio dello Spirito Santo, che Gesù, ogni mattina, scendendo dal cielo in lui, fa la sua abitazione nel suo cuore. Anche nei più laboriosi ministeri, egli, come gli angeli nei loro uffici, non distoglie il suo spirito da Dio, e prega anche viaggiando, anche in mezzo al più intenso lavoro.
Come è facile, come è deliziosa la preghiera che può fare il missionario nei suoi lunghi e frequenti viaggi! Tante volte la natura, con i mirabili spettacoli che offre continuamente ai suoi sguardi, l'inviterà alla contemplazione della bellezza e grandezza di Dio; altre volte la vista dei paesi pagani che attraversa gli strapperà dal cuore vive suppliche per la loro conversione; sempre egli può sgranare il suo Rosario e spargere lungo il cammino piccoli semi di preghiera che non cadranno certamente invano.

Prima la preghiera, poi la predicazione

16. Quanto si sbagliano e di quali e quanti spirituali soccorsi si privano quei missionari che trascurano l'orazione e gli ordinari esercizi di pietà, sotto pretesto che non hanno tempo di pregare per la molteplicità dei loro ministeri, quasi che si possano trattare gli interessi di Dio dimenticando Iddio, e trascurando l'anima propria!
Miei cari confratelli, non vi sia uno solo tra voi che cada in questo abbaglio funesto. Non avete certo da faticare più dei SS. Apostoli; ebbene, lo sapete, essi non accorciarono mai le loro preghiere: preferirono anzi sbarazzarsi di alcune incombenze pur sante, per applicarsi prima alla preghiera poi alla predicazione. «Noi, invece, ci dedicheremo alla preghiera e al ministero della parola»(At 6,4).
E poi, siamo sinceri: è proprio puro amore di Dio, vero zelo per le anime quello che rende taluno abitualmente trascurato nelle sue pratiche di pietà? Egli trova pur tempo per effondersi in tante attività di puro ordine esteriore e di assai dubbia utilità per un serio lavoro apostolico... egli ha pur tempo per quelle visite inutili, per quelle letture vane, per quelle partite di gioco e di caccia, per quelle lunghe ricreazioni e conversazioni protratte fino a tarda ora... E staremo a lesinare il tempo proprio con N. Signore?
Non dimenticatelo, amati confratelli, oportet semper orare, e quando non si prega non si è più contenti di essere in Missione, se questa è difficile ed ardua; o, se offre comodità, vi ci si rimane perché in Italia si starebbe peggio; ma di bene non se ne fa più: si è di cattivo esempio ai missionari giovani, di fastidio ai superiori, di nessuna edificazione ai neofiti.
Ho detto che si è di cattivo esempio ai missionari giovani. Il punto è di sommo rilievo e voglio dirne una parola.

Consigli ai giovani missionari

17. Talvolta ci si lamenta che giovani missionari non danno quel rendimento che da essi si sarebbe potuto aspettare, non prendono l'avviamento e la forma di santi ed esemplari operai del Vangelo.
Si attribuisce il fatto assai doloroso a scarsa vocazione, o alla incompleta formazione che questi giovani avrebbero avuto nei seminari da cui sono usciti. E può anche essere; ma potrebbe anche verificarsi l'ipotesi che questi giovani, entrati in missione e trovatisi sciolti dai legami della disciplina del seminario, non abbiano trovato in quell'ambiente la disciplina ben persuasiva e trascinante del buon esempio dei missionari più vecchi con i quali furono destinati a lavorare.
E grave errore pensare che il missionario, mandato in missione quando ha appena terminato i suoi ordinari corsi di seminario, abbia con questo terminato la sua completa preparazione. C'è un'altra preparazione, che non si può dare in Italia: c'è la preparazione immediata che il missionario deve ricevere e se la deve fare nell'ambiente in cui è destinato a lavorare. Questa in certo modo è la più importante preparazione, quella che resta per la vita.
Il missionario giovane farà in tutto quello che vedrà fare: anche se scarsa fosse stata la preparazione ricevuta in Italia, l'esempio vivente dei missionari provetti che trova sul campo avrà una forza decisiva per educarlo a quelle virtù, quel metodo di vita che dovranno accompagnarlo in tutti i suoi giorni.
E’ della massima importanza che il novello missionario tenga sempre vivo ed acceso l'iniziale fervore con il quale generalmente egli parte dalla patria ed affronta il mondo per lui nuovo della missione. Qui egli deve per convinzione dedicarsi a quelle pratiche di pietà che in seminario faceva aiutato dall'orario. Quanto gioverà al missionario per questo il buon esempio dei suoi confratelli! Quanto deleterio gli tornerà invece un esempio di trascuratezza in materia così importante! I miei confratelli intendono, meglio che io sappia esprimermi, tutto quello che voglio dire.
L'esempio è una grande cosa dappertutto: ma ha una importanza massima per noi missionari, perché missionario vuol dire tutto quello che vi è di più alto, di più perfetto ed eroico nella sequela di N. Signore; tutto quello perciò che urta con questa concezione fa male e ferisce lo spirito.
Sono ormai vent'anni che sono in Italia e posso vantare una qualche esperienza su questo punto. Passano per il seminario missionari reduci «ferventi nello spirito»( Rm 12,11), e sono d'immensa edificazione:i giovani vedono ed imparano e si sentono sempre più fortificati nella loro vocazione. La vista di questi uomini ha più efficacia che tante esortazioni dei superiori. Passa alcun altro trasandato nella pietà, che dice la S. Messa a vapore, che non si fa vedere alle pratiche comuni? E’ pure osservato e l'effetto è disastroso. Non sarà così pure in Missione? Ma chiudo la parentesi.

La nostra patria è nei cieli

18. Per raggiungere le anime, per conquistarle non servono i mezzi umani. Siamo sulla terra fra gli uomini, ma trattiamo interessi del tutto celesti e divini, lavoriamo in un mondo soprannaturale. Per muoverci con successo in questa sfera dobbiamo essere in continua comunicazione con Dio, dobbiamo essere uomini «la cui patria è nei cieli» (Fil 3,20). Solo così le nostre parole e le nostre fatiche avranno efficacia, ed arriveranno fino alle anime, fino al cuore di Dio.
Vi sono dei missionari che pure lavorano, fondano e promuovono opere, predicano e si affaticano in tanti modi, ma raccolgono pochi frutti e troppo poche anime convertono. Il fatto è che non pregano abbastanza, ed il loro è un lavoro in gran parte meccanico, poco o niente vivificato dalla grazia, che è indispensabile per guadagnare le anime.
C'indispettiamo talvolta di non riuscire a grandi cose, di ottenere pochi risultati dalle nostre fatiche; ci lamentiamo della durezza di cuore dei neofiti e dei pagani, che non rispondono alle nostre cure; ma noi, che siamo ben convinti d'aver molto lavorato, c'interroghiamo se abbiamo pure altrettanto pregato?

19.
Siate uomini di vita interiore, uomini di preghiera e, se anche foste scarsi di doni naturali, la grazia di Dio supplirà abbondantemente a quello che vi manca.
Quante volte missionari di pochi numeri, ma santi, hanno ottenuto grandi frutti di bene in missioni, dove altri più intelligente e bravi hanno lavorato invano!
Vale saper predicare, ma vale molto di più saper pregare. Il missionario che possiede bene la lingua e sa predicare, ma che prega poco, esporrà ottimamente le verità della nostra S. Religione, ma lascerà fredde le anime: il missionario che ha molta intimità con Dio nella preghiera, anche se non è felice nell'esposizione, avrà sempre il dono di trasfondere lo spirito di Gesù Cristo nelle anime, che è poi quello che la predicazione deve anzitutto ottenere. Il primo insegnerà Gesù Cristo, l'altro lo farà vedere. Voi intendete la differenza! «Se colui che insegna non è uomo di vita interiore, la sua lingua dirà cose vuote» (S. Gregorio) «Nisi intus sit qui doceat, lingua doctoris in vacuum laborat».

Né sfiducia, né pessimismo

20. Talvolta la sfiducia, il pessimismo possono insidiare un missionario nel bel mezzo della sua apostolica carriera. Ebbene, anche qui non c'è altro rimedio che la preghiera, la quale mettendoci al nostro posto di supplicanti, ci fa vedere la nostra miseria, e ci fa anche vedere da qual parte dobbiamo attenderci il conforto ed il frutto delle nostre fatiche.
Non s'incontrano missionari, che sono uomini di preghiera, i quali siano pessimisti sul lavoro delle missioni. E quando in missione o fuori si sente dire da qualche missionario, che, dopo tutto, i risultati che si ottengono nel lavoro apostolico fra gli infedeli non corrispondono agli sforzi che si fanno per ottenerli, è certo che chi così parla non è uomo di preghiera.
Dobbiamo ritenere come di fede che, come ogni preghiera è esaudita infallibilmente in proporzione della sua perfezione morale, così ogni fatica fatta per Dio ad ottenere la conversione delle anime è efficace nella proporzione con cui è vivificata dalla preghiera. Il risultato delle nostre fatiche lo vedremo o non lo vedremo quaggiù, ma esso c'è, e Dio ne tien conto. La fedeltà, l'onnipotenza, la bontà di Dio ci sono garanti di questo, perché, uniti a Dio per mezzo della preghiera, non siamo più noi che lavoriamo, ma è Lui che lavora in noi e per nostro mezzo, e Dio non lavora mai invano.
Il missionario non deve mai essere sfiduciato: è un'offesa che egli fa a quel Dio onnipotente che lo ha chiamato e per il Quale egli lavora. Il vero missionario è sempre ottimista, è sempre fervido di entusiasmo, di quell'entusiasmo che un giorno gli fece lasciar tutto e lo mise alla sequela di N. Signore nelle vie dell'apostolato.
Riandate, cari confratelli, dal principio tutta la storia della vostra santa vocazione. Quali e quante difficoltà aveste a superare, quanti distacchi, quanti sacrifici e dolori e lacrime! Avevate davanti un grande miraggio di eroismi e vi spingeva la brama di dare a Gesù la prova di un più grande amore.
E oggi, dopo che sono trascorsi tanti anni dai fervori della vostra prima Messa, della indimenticabile funzione di partenza, si mantiene sempre in voi vivo lo stesso entusiasmo, la stessa brama di lavorare per Gesù, di guadagnargli anime in gran numero, di soffrire tanto per Lui, che per voi stimò poco dare tutto il suo sangue e la vita? Se tale è tuttora la disposizione del vostro animo, godete e ringraziatene Iddio, perché ne avete ben ragione; ma se taluno si sentisse sfiduciato e scoraggiato, se gli sembrasse di essere illuso, se si sentisse freddo e senza entusiasmo, si esamini, per favore, quale è stata nei suoi anni di missione la sua vita di preghiera. Si esamini spassionatamente, severamente, e forse troverà la chiave dell'enigma, la ragione del suo raffreddamento, come chiaro gli apparirà pure il rimedio per uscirne.

Il culto dell'Eucaristia

21. Terminando questa breve esortazione, non posso non dire una parola in particolare su un altro importantissimo elemento di vita interiore, sulla devozione alla divina Eucaristia che vorrei fervidissima in tutti i nostri missionari.
Gesù per noi è tutto, e Gesù è nella S. Eucaristia. E allora che cosa ci può mancare? Se manchiamo di qualche cosa, non è perché ci teniamo lontani da Lui, che è la sorgente di tutte le grazie? Da queste semplici parole tirate voi le conseguenze.
Della S. Messa fate il vostro paradiso: il S. Tabernacolo sia la calamita che vi attiri irresistibilmente. Davanti al S. Tabernacolo passerete le più belle ore della vostra esistenza e le più utili per il vostro apostolato: attorno ad esso attirate i vostri neofiti e li farete infallibilmente migliori.
In tutte le case che ha l'Istituto in Italia ogni sera si apre il S. Tabernacolo e si dà la Benedizione eucaristica. Annetto la massima importanza a questa pratica, perché, se Gesù ci benedice, non avremo nulla da temere per noi e per le nostre opere. Questa benedizione la imploriamo non solo per noi, ma per voi tutti che, sparsi per il mondo fra gravi pericoli e fatiche, avete tanto bisogno di grazie e di conforto.
«Guardate a Lui e sarete raggianti»
(Sal 33,6): stringiamoci attorno al Cuore Eucaristico di Gesù ed a questa immensa fornace di amore i nostri cuori si santificheranno e si accenderanno di tanto ardore di zelo da attirare dietro a noi anime senza numero. Così avremo raggiunto il fine della nostra vita che è la nostra santificazione, ed il fine della nostra divina vocazione che è la salvezza delle anime che ci sono affidate.

Esortazioni ai missionari educatori

22. In fine una breve speciale parola anche ai RR. Padri che sono in Italia. Amatissimi confratelli, che con me dividete la quotidiana fatica per il buon andamento delle nostre Case, a voi incombe un gran dovere in rapporto a quanto ho ricordato nella presente lettera.
I nostri venerandi confratelli che sono nelle missioni lavorano principalmente a formare buoni cristiani; poi che siamo dalla Provvidenza destinati a stare in Italia, noi lavoriamo a formare dei buoni missionari. Comprenderete facilmente quanto più arduo, delicato e pieno di responsabilità è il nostro lavoro!
Dall'India e dalla Cina si guarda con grande attesa alle nostre Case, dove si preparano le forze nuove per i bisogni sempre crescenti dell'apostolato che ci è stato commesso. Se non prepariamo missionari santi è ben vano il nostro lavoro; e perciò, se grandissima cura è da porsi per dare ai nostri giovani una seria e completa formazione intellettuale, molto maggior diligenza e premura è da impiegarsi nel curare la formazione del loro spirito.
I Rev. Rettori e Padri Spirituali, i Vice-rettori, i Prefetti e quanti attendono all'educazione e formazione dei nostri alunni, sentano tutta la grandezza, la nobiltà, la responsabilità del loro ufficio, e facciano che le nostre Case di formazione siano veri giardini di virtù, tutti spiranti fervore e carità, vere scuole di Apostoli, nelle quali si miri sempre a Gesù nel S. Tabernacolo, si veda sempre Gesù nella vita santa ed esemplare dei Superiori e di quanti Padri vi sono nelle Case.
Si alimenti nei giovani un grande spirito di fede: la fede sia il principio ed il fine di ogni loro azione, sia la base, il principio informatore del nostro sistema educativo. Tutto per Gesù deve essere il nostro motto: la nostra educazione deve mirare ad imprimere Gesù nella mente, nei cuori dei nostri aspiranti in modo così indelebile, che tutta la loro vita diventi a poco a poco. una copia di quella di Gesù; solo così potranno ben rappresentare questo nostro Divino Maestro ai popoli e continuarne degnamente e fruttuosamente la missione.
E poiché sarebbe vano pretendere che i nostri giovani giungano a tanto solo con le proprie forze e le nostre cure, con lo spirito di fede cerchiamo di insinuare in essi anche un grande spirito di orazione. Solo se i nostri giovani pregheranno, arriveranno ad una meta così alta, quale è quella cui aspirano venendo a noi.
Non ci illudiamo: buoni tutti gli altri mezzi di favorire le vocazioni, se uniti a questo essenziale, indispensabile della preghiera; ma se questo sarà trascurato, i nostri seminari o diventeranno case di sfruttamento e falliranno o, che è forse peggio, daranno alle Missioni personale impreparato.
Spendiamo dunque bene le nostre fatiche ed il nostro denaro e facciamo che le nostre Scuole Apostoliche, i nostri Seminari diano il massimo rendimento in missionari santi, e, se possibile, anche numerosi. E saranno santi, saranno anche numerosi i missionari che usciranno dalle nostre Case, se con ogni sforzo ci adopereremo perché Gesù Benedetto, il solo vero Maestro degli Apostoli, «che fa delle fiamme guizzanti i suoi messaggeri» (Sal 103,4), sia il centro delle menti, dei cuori di tutti i nostri carissimi alunni.

23. Amatissimi confratelli, abbiamo avuto in sorte una vocazione del tutto divina, ci è affidato un compito assolutamente sovrumano. Siamo chiamati ad estendere A Regno di Dio sulla terra e con le anime nostre dobbiamo salvare quelle di molti altri.
D'altra parte siamo tutti convinti della nostra infinita miseria, e Gesù stesso ci ammonisce che senza di Lui non possiamo far nulla: come dunque riusciremo a tanta impresa? In un modo solo: pregando. Senza di Lui non possiamo far nulla, con Lui potremo far tutto. Siamo uomini di orazione e saremo santi missionari!
Miei dilettissimi confratelli, gradite queste povere pagine dettate dal cuore, gradite almeno il mio pensiero, la mia sollecitudine per voi, e nelle vostre preghiere non dimenticate

il vostro aff.mo nel Signore

P. PAOLO MANNA, Sup. Gen.

 

: «Quifacit ministros suos ignem urentem». * Monita ad Missionarios è il famoso opuscolo scritto e dedicato al Papa Clemente IX nel 1665 e indirizzato ai Missionari operanti in Cina, Tonchino, Cocincina, Siam, con lettera del 19 febbraio 1669 da Francesco, Vescovo di Eliopoli, Vicario Apostolico del Tonchino e da Pietro, Vescovo di Berito (Beirut), Vicario Apostolico della Cocincina, che nelle edizioni latine degli anni 1669-1744-1782-1807 aveva il titolo di Instructiones, mutato in Monita ad Missionarios quando la S. Congregazione di Propaganda Fide lo fece suo e lo indirizzò a tutti i Missionari. Le edizioni con questo nuovo titolo sono degli anni 1840-1853-1874-1886-1893 stampate a Roma; quelle del 1919-1930 furono stampate a Hong Kong. Esistono due traduzioni in francese: Bruxelles 1920 e Lovanio 1928 curate dai Missionari di Scheut. P. Manna cita ben nove volte questo opuscolo nelle sue Lettere circolari nn. 6, 17, 22.

* Monita ad missionarios (ediz. 1886), Cap. I, art. V, p. 18: ... non sanno trovare altra ragione «nisi quod spiritus orationis multum in his partibus tepuerit. Ricordato il precetto di Cristo: vigilate et orate ut non intretis in tentationem, dicono che, se N. Signore id nominatim Apostolis praeceperit, quam merito missionarium apostolicum dixerimus quotidiane reficiendum esse pane orationis! quem si comedere forte oblitus fuerit, oportet continuo deficiat in via virtutis».

* Monita ad Missionarios, o.c., art. V, p. 13: «Exardescet ignis».