lettera precedente

ZUCCHE E AMORE…

lettera seguente

.

NEWSLETTER: BUON NATALE 2009!

.
Bambine hawaiane raccolgono offerte, per gli amici delle Filippine... Basta un centesimo, per dare una mano! Salvadanai a zucca, per aiutare chi ha bisogno... Da un piccolo risparmio, nasce la speranza!
.

Makaha (Hawaii), Natale 2009

.

Durante i mesi di Settembre e Ottobre, le Filippine sono state vittime di enormi "disastri". Una serie di "tifoni" ha allagato il "Paese", lasciato milioni di persone "senza tetto" e molti morti. Nello stesso periodo, c’è stato lo "Tsunami" a Samoa. Anche lì, grande distruzione e grandi disagi.

Nella nostra scuola, i bambini hanno voluto fare qualcosa per aiutare le Filippine. Decisero di raccogliere dei soldi. Il 78% dei nostri bambini non può pagare la "mensa" per il pranzo giornaliero, ma erano decisi a raccogliere soldi per aiutare le vittime dei "tifoni". Prepararono una piccola "mostra", con le foto delle vittime dei "tifoni", e inventarono qualcosa di nuovo per invitare tutti a contribuire.

Decorarono delle zucche che si usano per "Halloween". Ogni classe preparò queste zucche con diversi ornamenti e facce. Furono messe nella biblioteca della scuola. I bambini dovevano scegliere la zucca più bella, mettendo nella scatola accanto i loro soldi. La zucca che avrebbe ricevuto più soldi sarebbe stata la vincitrice. 

Per due settimane, una classe alla volta, i bambini andarono a votare per la zucca preferita, mettendo le "monetine" dentro le scatole. Li vedevo entrare nella biblioteca con sacchettini di plastica.

Li ho visti entrare tutti in fila, sorridenti, tenendo in mano sacchettini di plastica con dentro "centesimi", e poi si sparpagliavano nella biblioteca, intenti a votare per la loro zucca preferita. 

Vedevo che Joana, una ragazza sempre sorridente, girava in giro, ma non metteva niente dentro le scatole. A un certo punto, venne da me, con la faccia triste: "Mr. Gigi, non ho soldi!". Avevo in tasca alcune monete e gliele diedi. Il sorriso ritornò sul suo viso. Mi ringraziò e andò a mettere quelle poche monete dentro le scatole. Ho saputo che molte maestre svuotarono il loro "salvadanaio", portarono la loro "monetine" a scuola e le misero in sacchettini, che diedero ai bambini che non avevano potuto portare niente da casa.

Alla fine i bambini raccolsero "$. 569,75", quasi "400 euro", praticamente tutte in "monetine" da un "centesimo". Per fortuna che quando Judy li ha portati alla "banca" c’erano il Luigino, il Tano, il Felice che l’aiutarono, perché pesavano in tutto qualche "quintale". Quante lezioni che impariamo dai bambini!

Dalle Filippine ho ricevuto notizia che questi soldi hanno aiutato diverse famiglie a ricostruire le loro case distrutte dai "tifoni". Ultimamente hanno potuto così ritornare a vivere nelle loro case…

C’è un "video" di una nuova canzone "filippina", uscita questo "Natale", per ringraziare coloro che sono stati vicini alle vittime dei "tifoni". Il titolo è: "Ang star ng Pasko" = "La stella di Natale", che dice:

"Quando è completamente buio, le stelle brillano ancora di più.
Quando ci sono le nuvole sappiamo che dietro c’è la luce.
Questa luce è dentro ognuno di noi e risplende in ogni cuore che è aperto.
Il calore di un abbraccio curerà tutte le ferite.
Tu sei l’unico che può accendere questa luce, non c’è nessun altro.
E grazie a questa tua luce il Natale riavrà i suoi colori più belli.
TU SEI LA STELLA DI NATALE!".

Forse, per "Natale", il "dono" più bello per coloro a cui vogliamo bene è dire loro:

"TU SEI LA MIA STELLA DI NATALE,
MI DAI SPERANZA,
MI DAI GIOIA,
MI DAI VITA,
E IO DESIDERO ESSERE LA TUA STELLA!"

Così, nel "firmamento" dell’amore, creiamo un "cielo stellato", che dona speranza al mondo e che cura tutte le "ferite"…

La notte di "Natale", con la mia famiglia e con Elisa e Claudio, che saranno qui con noi, alzeremo gli occhi al cielo e nelle stelle vedremo tutti voi: così saremo uniti in un abbraccio infinito, per ringraziare "COLUI" che è venuto perché possiamo essere amici!

GRAZIE!

BUON NATALE! BUON ANNO!

"ALOHA"!

.

Gigi, Judy e il resto della "banda"…